Matrimonio gay in casa Freud

In un Paese ossessionato dalla psicoanalisi – scrive il Sunday Times in Freud slips into France’s row over gay marriage – era solo questione di tempo prima che anche Freud fosse trascinato nella discussione francese sui matrimoni tra persone dello stesso sesso.

Lo ha fatto Elisabeth Roudinesco, storica e psicoanalista, autrice tra l’altro di una importante biografia di Jacques Lacan.

Il suo intervento ha fatto scalpore negli ambienti freudiani. Ma Roudinesco si è limitata a ricordare un dettaglio che molti conoscono. Ha detto cioè che Anna Freud ebbe una (pluridecennale) relazione con un’ereditiera americana, e che la aiutò a crescere i suoi quattro figli (qui si parla del loro incontro). Roudinesco afferma che Freud accettò la coppia come una “famiglia come tutte le altre”. Lungi dall’avere atteggiamenti critici sull’omosessualità della figlia, Freud – sostiene Roudinesco – fu “totalmente tollerante” e “appoggiò” la vita della figlia con Dorothy Burlingham, erede di Tiffany, il gioielliere.

“E chiaro che Anna era omosessuale”, ha chiosato Roudinesco. “Ha trovato la donna della sua vita ed è diventata una madre per i figli di Dorothy. Per quanto riguardava Freud, le due erano una famiglia.” Burlingham era così devota a Anna che rinunciò al comfort americano per di stare con lei nella Londra ferita dalla guerra.

Ed è in questa sua affermazione la novità. Perché se l’omosessualità di Anna era stata a lungo sospettata, per la prima volta qualcuno all’interno del mondo psicoanalitico lo ammette chiaramente, sulla scia del confronto culturale così acceso nella Francia di oggi.

Roudinesco ha rotto con le convenzioni già nella prefazione a una raccolta di lettere tra Anna e il padre. “Gli storici di Freud lo hanno sempre nascosto”, ha scritto, accusando molti dei suoi adepti di omofobia. Un’accusa rivolta anche a Anna, che ha descritto l’omosessualità come una “malattia”.

Roudinesco è stata tra i molti storici e psicoanalisti chiamati davanti ad una commissione parlamentare per testimoniare in merito alla legge che legalizza il matrimonio gay. “Nessuno può dire che a Freud non sarebbe piaciuto quello che sta succedendo oggi”, ha detto. “Era affascinato da diversi tipi di famiglie. Sarebbe stato affascinato dal dibattito.”

[youtube_sc url=”http://youtu.be/fO6Ka0uJ-2Q”%5D

Cristina Bolzani – Essere Anna Freud #10

#1 – Presa nelle maglie e nelle reti

#2 – Anna-Antigone, Sigmund Edipo

#3 – Anna e Ernest

#4 – Le madri di Annerl

#5 – Le storie belle

#6 – Sul lettino del Padre

#7 – Difese

#8 – Anna incontra Dorothy

#9 – Legami e libertà

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...