Il momento decisivo di Cartier-Bresson

I grandi artisti sono spesso i migliori a riconoscere e valorizzare il carattere unico del loro mezzo. Nei primi anni del XX secolo la fotografia era impantanata in un pittorialismo volutamente sfocato. L’opinione prevalente era che la fotografia doveva imitare la pittura, o non era “arte”. Per reazione nei primi anni Trenta Edward Weston, Ansel Adams e pochi altri sulla West Coast  rearono il Gruppo f/64 in segno di protesta. Facevano valere la forza intrinseca del loro mezzo, mettendo fotocamere di grande formato sul cavalletto e catturando scene con un livello di dettaglio e chiarezza che un pittore poteva solo sognare di raggiungere. Dall’altra parte dell’Atlantico era in atto una rivoluzione ancora più grande.  I fotografi europei alla fine degli anni Venti e primi anni Trenta cominciavano a esplorare la sorprendente capacità del mezzo fotografico di congelare il tempo, di catturare momentoi altrimenti transitorio del flusso della vita. Nessun artista colse questo aspetto essenziale della fotografia con maggiore brillantezza e coerenza di Henri Cartier-Bresson.

thumb“In fotografia,” scrisse Cartier-Bresson, “c’è un nuovo tipo di plasticità, il prodotto delle linee istantanee fatte da movimenti del soggetto. Lavoriamo all’unisono con il movimento come se fosse un presentimento del modo in cui la vita si dispiega. Ma nel movimento c’è un momento in cui gli elementi in movimento sono in equilibrio. La fotografia deve cogliere questo momento e tenere immobile il suo equilibrio”.

Cartier-Bresson diceva spesso che la sua gioia più grande era la geometria. A 20 anni studiò pittura con la cubista André Lhote, che adottava per la sua scuola il motto dell’Accademia di Platone: “Che nessuno ignorante in geometria entri.” Cartier-Bresson aveva un interesse precoce per i pittori matematicamente sofisticati. “Amava Paolo Uccello e Piero della Francesca, perché erano i pittori delle proporzioni divine», scrive Pierre Assouline nel suo libro, Henri Cartier-Bresson: A Biography. “Era così immerso nelle loro opere che la sua mente era piena di goniometri e fili a piombo. Come loro sognava di diagonali e proporzioni, e divenne ossessionato dalla mistica delle misure, come se il mondo fosse semplicemente il prodotto delle combinazioni numeriche “.

henri_cartier_bresson_photo_001Allo stesso tempo, il giovane artista subisce il dominio di un maestro il cui approccio era decisamente meno razionale. Ancora adolescente, Cartier-Bresson cominciò a seguire i  leggendari raduni surrealisti di André Breton al Cyrano Café. Era poco interessato alla pittura surrealista, ma lo inebriava la filosofia surrealista della vita: l’accento sulla possibilità e l’intuizione, il ruolo di espressione spontanea, l’atteggiamento onnicomprensivo di rivolta.

Il formalismo geometrico della pittura rinascimentale e la serendipità del surrealismo diventarono le due principali influenze del lavoro di Cartier-Bresson. Una terza uscì per caso, quando inciampò su una riproduzione di Martin Munkácsi, Tre Ragazzi al Lago Tanganica. La foto mostrava un gruppo di ragazzi africani amoreggiare in acqua. Se il fotografo avesse scattato un millesimo di secondo prima o dopo la magica composizione ad incastro non sarebbe esistita. “Improvvisamente ho capito che la fotografia può fissare l’eternità in un istante,” disse poi Cartier-Bresson.

henri-cartier-bresson-hyeres-france-1932-seville-spain-1944-wall-hole-children-playingNel successivo mezzo secolo, Cartier-Bresson avrebbe viaggiato il mondo con una Leica in mano, la cinghia attorcigliata intorno al polso, pronto a fissare l’eternità in qualsiasi momento. Dentro di sé ha tenuto alto lo spirito del Surrealismo, mentre esteriormente si faceva chiamare  fotoreporter. Testimoniò  alcuni dei più grandi eventi del XX secolo. Era con Gandhi pochi minuti prima di essere assassinato nel 1948. Era in Cina quando i comunisti presero il potere nel 1949. “Era il Tolstoj della fotografia”, disse Richard Avedon poco dopo la sua morte, nel 2004, all’età di 95 anni. “Con profonda umanità, è stato il testimone del Ventesimo  secolo.”

“Per scattare fotografie,” Cartier-Bresson ha detto una volta, “bisogna trattenere il respiro quando tutte le facoltà convergono di fronte alla fuga della realtà. In quel momento  padroneggiare un’immagine diventa una grande gioia fisica e intellettuale”.

Henri Cartier-Bresson: il momento decisivo (sopra) è un film d prodotto nel 1973 da Scholastic Riviste Inc. e dal Centro Internazionale di Fotografia. La selezione delle foto ha un raro commento dello stesso  Cartier-Bresson.

(da Henri Cartier-Bresson and the Decisive Moment – Open Culture)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...