Il mondo di Kiki Smith

E’ vista come l’erede di Louise Bourgeois, e insieme a lei è in mostra ad Avignone in questi giorni.

Kiki Smith ne condivide – la scultrice e pittrice statunitense nata a Norimberga nel 1954, figlia dello scultore minimalista Tony Smith – la rappresentazione di figure soprattutto femminili, la creazione di disegni ispirati all’anatomia – con i quali esordisce alla fine degli anni Settanta – il destino a essere catalogata come artista ‘femminista’ (però, a differenza di Bourgeois, lei si è schierata apertamente per il movimento femminista); e poi l’energia eclettica applicata con diverse tecniche e materiali.

Se ne differenzia perché mentre nell’arte di Bourgeois c’è un’ispirazione psicoanalitica, in Kiki Smith prevalgono la ricerca sul corpo umano e sulla sua costruzione culturale, mostrando implicazioni politiche e culturali del corpo come soggetto/oggetto dell’atto artistico.  Kiki Smith indugia sulla rottura dell’equilibrio originario tra uomo e ambiente naturale Rispetto alla sua maestra, c’è in lei una visione ugualmente angosciosa ma meno cerebrale e autobiografista,  più aperta al simbolico e agli archetipi. Kiki Smith si ispira al mito, alla fiaba, alla letteratura e alla scienza naturale.  Le favole la stimolano alla rappresentazione delle strutture dell’inconscio; le scompone per evidenziarne  il sostrato angosciante,  smontando  ’“e vissero tutti felici e contenti”. 

 La sua carriera è segnata dalla sperimentazione continua. Ha utilizzato il bronzo, la cera, la carta, il vetro, il legno, il gesso, le resine plastiche e gli elementi organici. Le sue opere vanno dalla scultura al disegno, dai video alle installazioni, alla fotografia. E poi editoria, moda, gioielli. E’ tra gli artisti più quotati a livello internazionale. (in alto,  scultura di Kiki Smith al Palais des  Papes di Avignone, a sinistra, Born).

Les Papesses – Avignon

Conjuring a World full of Wonder 

 Kiki Smith – ART/New York

Our City Dreams – Kiki Smith

 
[youtube_sc url=”http://youtu.be/J5ENzbfYIDo”%5D

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...