Fotografi sulla scia della ‘maestà alienata’ di Hopper

Alla riscoperta delle influenze di Edward Hopper sulla fotografia. La mostra che chiude i battenti a giorni al Whitney Museum – con opere di Gregory CrewdsonPhilip-Lorca diCorciaWilliam EgglestonSteve FitchTodd HidoStephenShore. – accosta i lavori della sua collezione permanente con  il lavoro di fotografi contemporanei che come lui innalzano con sapienti manipolazioni della luce soggetti quotidiani, e ottengono una’enigmatica intensità emotiva, impregnata di quella che Ralph Waldo Emerson definì una maestà alienata.

Similmente la mostra Hopperiana a Milano alla galleria Photology è una collettiva di artisti – Luca Campigotto, Gregory Crowdson, Richard Tuschman e Daniele Galliano (pittore) – che reinterpretano Il silenzio e la solitudine dei dipinti di Edward Hopperquella malinconia della società americana anni Cinquanta che racconta così bene la noia e il rimpianto umani, esistenziali.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...