Proust a Venezia, scatto prezioso

image

L’immagine di Marcel Proust meditabondo a Venezia, meta a lungo desiderata – e plasmata e ricreata con l’immaginazione, sotto l’influenza estetica di John Ruskin la foto scattata nel 1900, che sembra condividere con la città la stessa consistenza  del sogno, è  stata battuta all’asta da Sotheby’s a Parigi per 17.500 euro, dieci volte la stima. Vien da pensare, allora, al valore inestimabile delle pietre veneziane nella cattedrale della Ricerca del tempo perduto, di cui la città sull’acqua racchiude gli enigmi più profondi; l’esperienza del passo sulle lastre sconnesse del Battistero di San Marco (che ritroverà, déjà vu in cui la memoria è arricchita di consapevolezza, sull’acciottolato sconnesso davanti a un palazzo parigino), le continue mise en abyme tra l’Arte – che rende davvero possibile il viaggio interiore – e la sua vita sentimentale, e la conoscenza del Tempo.

Ma l’amore per Albertine e per Venezia sono antagonisti. Solo dopo la morte di Albertine – reclusa dal Narratore per gelosia – il viaggio si farà, insieme alla madre. Non potevo neanche andare a Venezia dove, quando mi fossi coricato, sarei stato troppo torturato dal timore delle proposte che avrebbe potuto farle il gondoliere, il personale dell’albergo, le veneziane. Finalmente Proust raggiunge Venezia nel maggio del 1900, e Ruskin sarà la loro guida, come la colonna di fuoco che precedeva la marcia degli Ebrei.

imageQuesta e altre fotografie dell’universo proustiano (come la foto insieme all’amato Lucien Daudet, che nella posa lo contempla teneramente dall’alto), con lettere, autografi e cimeli, sono la collezione messa in vendita dalla bisnipote Patricia Mante-Proust, che ha incassato 1,24 millioni di euro (il doppio delle aspettative).  Emozionanti, in particolare, le due (delle tre  conosciute) lettere che Marcel scrisse al padre, restio a vedere nella letteratura un mestiere. Nella famosa lettera del 1893 il giovane Marcel affermava di essere impegnato seriamente a preparare il concorso diplomatico, anche se qualsiasi altra cosa all’infuori delle lettere e della filosofia è tempo perso.

Proust sedotto dalla fotografia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...