Selfie horror al Lindt Cafe

selfie

E poi c’è chi usa il selfie in luoghi mediaticamente sensibili , al centro dell’informazione del momento, non importa se al centro ci siano ostaggi (sotto, una cameriera del caffè che riesce a fuggire dal locale). Qui il narcisismo si sposa con l’imbecillità. Mentre ci sono persone che stanno rischiando di essere ammazzate, altre si vantano di “esserci” e magari socializzano il loro ‘eroismo’.

E ricorda un episodio di poche settimane fa che ha segnato un record senza precedenti di selfie-smo imbecille. Harrison Williams, un ragazzo di 26 anni, a bordo di una imbarcazione nelle acque di Perth, quando ha incrociato una carcassa di balena non ha resistito all’idea di un selfie e si è tuffato in mare incurante dei tre squali che si aggiravano intorno ai resti. La foto è finita sui social e molti hanno criticato il ragazzo per l’ostentazione che gli ha fatto rischiare la vita per una foto. Anche nel caso di oggi le critiche sono state molte e feroci. Ma tant’è. Qui il video dell’impresa.

Ostaggi in un bar a Sydney,esposta bandiera islamica

AP Photo/Rob Griffith

1 Comment

  1. Dovrebbero fare una legge per punire questi deficienti che usano i cellulari per fare queste porcherie

I commenti sono chiusi.