Il primo scatto Sartre e De Beauvoir. E la moda delle ‘fotografie da tiro’

simone Simone de Beauvoir con Jean-Paul Sartre – Parigi, 1929

Qualche anno fa la mostra londinese Shoot! Existential Photography ha ricostruito la storia di un’attrazione insolita che cominciò a farsi notare nelle fiere d’Europa dopo la Prima guerra mondiale: la galleria fotografica al tiro a segno. Funzionava più o meno così. Un concorrente pagava qualche soldo per cercare di colpire il centro di un bersaglio con una pistola. Se faceva centro una fotocamera scattava la foto, e invece di vincere un piccolo giocattolo il concorrente riceveva la foto di se stesso mentre sparava. La mostra in questione raccontava di come molti artisti e intellettuali fossero affascinati dal gioco; tra loro c’erano Simone de Beauvoir, Jean-Paul Sartre, Man Ray e Lee Miller. (qui una photogallery di alcuni scatti famosi).

Certo è una forma di autoritratto insolita, che prelude in qualche modo al selfie.  Ma soprattutto, ecco una fotografia di de Beauvoir e Sartre, insieme al tiro a segno. Scattata al quartiere fieristico di Porte d’Orléans a Parigi, nel giugno 1929 – lo stesso anno in cui i due giovani  intellettuali si incontrarono –  la foto è, secondo il blog Avec Beauvoir, la prima della coppia insieme. E De Beauvoir a quanto pare fa centro con gli occhi chiusi.